logo gerva
  • parallax 5
  • parallax 6
  • parallax 2
  • parallax 1
  • parallax 6
  • parallax 4

INTERNATIONAL GYS UIAA GRAN PARADISO 2017

logo gervaUna bella esperienza…
Dal 9 al 15 luglio 2017 si è svolta nella zona del Gran Paradiso, promossa dall’UIAA e organizzato dalla CNSASA, Scuola Centrale Alpinismo e Scuola LPV, la settimana di alta montagna con un gruppo di una ventina di ragazzi under 19 provenienti dall’Italia e dalla Spagna.
L’interessante manifestazione giovanile Internazionale in atto già da qualche tempo ha riscosso immediato interesse da parte dei nostri Organi Centrali di Alpinismo Giovanile, dalla CNSASA e dalla Scuola Centrale di Alpinismo, molto attenti da sempre nel cercare di avvicinare, con i giusti criteri, i giovani alla montagna.
Per la Scuola LPV come per me, il primo incontro con i giovani, fu nel febbraio 2016 in Val Varaita, quando, sotto l’abile regia dell’inossidabile Luciano, svolgemmo attività didattica e di scalata su ghiaccio verticale. A Pontechianale fu un po’ come dire… “una scommessa per tutti”, in quanto era la prima volta che avveniva la manifestazione e che la parte prettamente tecnica veniva organizzata dall’LPV e soprattutto perché, per alcuni di noi, -per me sicuramente- forse era anche la prima volta che ci trovavano ad insegnare e ad accompagnare dei ragazzi così giovani. Normalmente nei corsi di Alpinismo l’età dei partecipanti è mediamente più alta.

Leggi tutto

Quarta uscita del corso di alpinismo: l’esperienza sulla cresta Preuss

IMG 9252 (Large)La quarta uscita del 69° corso di alpinismo della Scuola Gervasutti prevede due giorni in uno dei rifugi più famosi e nascosti del bacino del Monte Bianco. Il rifugio Dalmazzi spunta piccolo ma fiero su un promontorio in mezzo alle montagne, dalla sua terrazza domina tutta la Val Ferret e divide il mondo reale dal mondo avventuroso e surreale degli alpinisti. Con una bella passeggiata che in questa annata si presenta più semplice per la poca neve, si arriva al cospetto del ghiacciaio che pian piano si sta ritirando e si trasforma in rivoli di acqua che scorrono verso valle. Come si addice ad una buona scuola, il primo giorno è stato Photo 18 06 2017, 07 53 21 (Large)dedicato ad illustrare le manovre di soccorso e di recupero. La sera arriva finalmente il momento tanto atteso da tutti: la formazione delle cordate e la scoperta della meta attesa per il giorno dopo. Quattro cordate hanno deciso di affrontare la famosa cresta Preuss che solca l’Aiguille du Savoie (3304m), ma soprattutto la sveglia alle 3.45 del mattino. Alle 9 della sera alcuni tra istruttori e allievi erano già sotto le coperte, è facile immaginare chi. Suona la sveglia, scendiamo cercando di fare meno rumore possibile, ma con un po’ di invidia per chi la sveglia ce l’ha ancora lontana. Colazione abbondante, facce assonnate ma trepidanti, voglia di dormire ma anche voglia di partire. Alle 4.30 le quattro cordate escono dal rifugio, l’aria è fredda ma non quanto ci si aspetterebbe, le frontali in fila indiana si muovono verso la meta.

Quando il cielo incomincia a schiarirsi siamo già con i ramponi ai piedi e l’odore è quello frizzantino che si respira solo la mattina presto su un ghiacciaio. Arrivati alla base, mentre ci prepariamo, ne approfittiamo per ascoltare un po’ di storia. L’apritore, Paul Preuss, nasce in Austria nel 1886 e muore alla giovane età di 27 anni nell’ottobre del 1913 precipitando durante la scalata dello spigolo nord del Mandlkogel, una montagna in terra natia. E’ proprio nel 1913 che sale la cresta sud est dell’Aiguille du Savoie che porta il suo nome. Preuss era un sostenitore delle salite in solitaria, affidandosi non alla sicurezza data da mezzi artificiali, bensì a quella acquisita tramite una corretta valutazione delle proprie capacità. Incantate dai racconti, le quattro cordate incominciano la salita verso la vetta. Il primo ostacolo è uno stretto camino che le relazioni riportano di IV grado e ovviamente tutti i pensieri vanno a Paul Preuss che da solo affronta queste difficoltà. Dopo aver ragionato a lungo, giungiamo alla conclusione che 

Leggi tutto

Gian Carlo Grassi

manera ugoNell’anno appena trascorso, il 2016, Gian Carlo Grassi avrebbe compiuto 70 anni. Egli aveva iniziato la sua attività alpinistica frequentando i corsi della scuola Gervasutti, terminati i quali, era entrato nell’organico istruttori della stessa. Ritengo doveroso che il ricordo di questo grande personaggio rimanga nei documenti della scuola, per tutti quelli che oggi ne fanno parte e per chi verrà in futuro

 

                                                          

                                                         Gian Carlo Grassi a cura di Ugo Manera

Ricordare un personaggio scomparso non è semplice, vari sentimenti si incrociano e spesso si scivola, magari involontariamente, nella celebrazione retorica elencando enfaticamente meriti e qualità di chi non c’è più. Terribile poi io trovo il modo, abbastanza in uso, di rivolgersi in prima persona con discorso diretto a chi non c’è più.

Leggi tutto

Vallone di Sea: delitto perfetto

Le famose pareti (Large)Sempre più spesso, dopo una forte pioggia contiamo morti tra vecchi e bambini e rimaniamo allibiti nel vedere che le case distrutte erano state costruite nell’alveo di un fiume o su una collina franosa.
I proprietari per primi, spesso in malafede, si scagliano contro le amministrazioni che hanno dato i permessi. In realtà è un gioco delle parti, perché frequentemente quegli amministratori sono stati eletti proprio per costruire dove chiunque, con buon senso, non avrebbe fatto neanche un capanno, figuriamo farci vivere una famiglia.
Li possiamo chiamare “delitti perfetti” dove tutto avviene nella legalità e nel consenso, peccato che il risultato porti a tragedie non recuperabili.
Ogni volta il politico di Roma in televisione assicura che non succederà più, salvo poi essere contraddetto alla prima grande pioggia. E nel caso ci fosse un dolo, i tempi della giustizia con le prescrizioni fanno il resto.
Se vogliamo affrontare la questione sull’opportunità o meno di costruire una strada nel Vallone di Sea, in Val Grande di Lanzo in provincia di Torino, per poter ragionare, occorre sgombrare il campo da sensibilità personali e farne una questione prettamente economica...

Leggi tutto

GRIMSEL - Un Eldorado di granito

1 insieme

PREFAZIONE

I fratelli REMY ieriUno dei grandi centri dell’arrampicata d’aderenza è senz’altro Grimsel, un Eldorado di granito. A scoprirla nel 1981 e a chiamarla Eldorado sono stati due fratelli svizzeri : Claude e Yves Remy, ai tempi nella foto accanto; la loro vita è una bella storia che consigliamo di leggere.
Eldorado è una gigantesca e perfetta placconata di granito lisciata dai ghiacciai. Una parete da sogno che non ha eguali; si erge per oltre 500 metri dalle acque del lago di Grimsel da cui prende il nome. Una parete che non ha una cima vera e propria da conquistare, ma solo il piacere di arrampicarcisi sopra; anche se la scalata è prevalentemente di placca non mancano dei magnifici diedri regolari e belle fessure da integrare con protezioni mobili.

Leggi tutto

Altri articoli...

  • 1
  • 2
Grivel
Palestra arrampicata SASP Torino
Litografia Briver
Palestra arrampicata Bside Torino
Libreria editrice la Montagna Torino
CNA Assicurazioni Srl Via Spalato 62A Torino
bshop logo
bshop logo