logo gerva
  • parallax 5
  • parallax 6
  • parallax 2
  • parallax 1
  • parallax 6
  • parallax 4

Inaugurazione falesia ghiaccio - dry "Cava Alta"

inaugurazione cava alta01ridottaFinalmente si è fissata la data per fare festa tutti insieme, ovviamente tutti invitati, praticanti e non, all'inaugurazione che si terrà domenica 01 marzo 2015 a Pontechianale (inizio attività ore 9).
Sarà occasione per vederci e per provare questo nuovo giocattolo... una piccola pietra miliare in questa disciplina!

Vi aspettiamo con entusiasmo e numerosi!

Leggi tutto

In ricordo di Raffaella

aguglia-2Giovedì 19 marzo 2015 alle ore 21 presso il Centro Incontri Monte dei Cappuccini si terrà una serata in ricordo di Raffaella, a 10 anni della sua scomparsa, perchè la montagna non si ricorda solo per le ascensioni ma anche per chi ci ha accompagnato...

Leggi tutto

Corso cascate e dry 2015

Alla Gerva è da poco iniziato il corso cascate 2015 a cui, per la seconda volta, si accompagna quello di dry-tooling. La prima uscita, come da tradizione, è stata in Val Varaita. Diversamente dagli anni scorsi però, abbiamo potuto usufruire di una nuova fantastica falesia, Cava alta! Quest'estate infatti l'instancabile istruttore della scuola Massimo Piras, Romeo, Giampiero e un folto gruppo di ex allievi della scuola hanno attrezzato questa fascia rocciosa con tutto ciò che serve per "giocare" in sicurezza sia su ghiaccio che su dry. Ecco un breve filmato di ciò che è successo:

2014: anno proficuo per la Scuola Gervasutti

michele 1

Ogni fine anno, come al solito, si tirano le somme sulla stagione appena trascorsa e questa volta si, possiamo proprio dire con un pizzico di orgoglio, che il 2014 è stato un anno ricco di soddisfazioni per la Scuola Gervasutti...

 

Nella foto: Michele Amadio

Leggi tutto

Riattrezzatura Torre del Bimbo - Sbarua

TorreBimboROCCA SBARUA
Pulitura e riattrezzatura a fix-inox della Torre del Bimbo

Se, giunti al Rifugio Melano-Casa Canada, ci si sposta alla piazzola di atterraggio dell’elicottero distante pochi metri, ci si mette nella condizione ottimale per godere di una panoramica superba su tutte le strutture più importanti della Sbarua, quelle inferiori e quelle superiori. La struttura di primo impatto visivo è quella intuitivamente denominata “Placche gialle”, superba parete verticale alta circa 120 metri. Spostando lo sguardo alla sua destra si identificano facilmente in sequenza lo “Sperone Rivero”, lo “Sperone Cinquetti” e, subito a fianco, la “Torre del Bimbo” che, da questo punto di vista, appare più modesta di quanto essa sia in realtà.
La “Torre” rivela la sua vera natura quando ci si arriva sotto. Alta circa 120 metri, presenta una parete Sud verticale, di aspetto yosemitico, che lascia intuire una arrampicata spesso atletica, su muri, diedri, tetti e strapiombi. Più modesta la sua parete Sud-Est, non visibile dalla piazzola dell’elicottero, caratterizzata prevalentemente da diedrini e placche sovrapposte. La pietra sempre ottima!
Ho sempre considerato questa struttura come la più bella di tutta la Sbarua. Tutte le volte che vi ci posavo l’occhio, ci disegnavo ipotetiche vie di salita, che negli anni ’80, si sono poi materializzate nell’apertura di una via di stampo classico, con Sandro Beglio, e nell’attrezzatura di tre vie moderne con Beppe Musso. Ciò ha concorso indubbiamente a creare anche una componente, diciamo … affettiva.FotoSbarua 1Le particolari condizioni climatiche che si sono instaurate all’inizio del nuovo millennio hanno favorito il proliferare dei licheni, un fenomeno che ha interessato tutta la Sbarua. Le vie meno battute si sporcarono velocemente. Diminuì la frequentazione. Nel 2006 chiuse il vecchio Rifugio Melano e la frequentazione calò ulteriormente.
La “Torre del Bimbo” non sfuggì a questo fenomeno e, le sue vie, alcune delle quali anche per la chiodatura severa, cominciarono ad essere completamente abbandonate. Unica eccezione fu l’”Osteria del Viandante”, via ben attrezzata e poco impegnativa rispetto allo standard della struttura. I suoi primi quattro tiri sono anche frequentati perché permettono di accedere ad “Analcolica”, un itinerario che risale le placche dell’estrema destra dello Sperone Cinquetti.
Sarà anche per la componente affettiva, ma percepire il totale abbandono di questa struttura mi causava veramente tristezza. Avevo pensato più volte di riattrezzare le mie vie, ma mi sembrava di fare un torto alle altre. Sarebbe stato bello ripulirlo e riattrezzarlo tutto. Per un po’ di anni rimase un’idea …
Ne avevo parlato a Salvatorico Foddai, che si era dimostrato subito entusiasta e totalmente disponibile, ma continuava a restare un’idea.
L’inaugurazione del nuovo Rifugio Melano-Casa Canada, che avvenne nel settembre 2011, creò le premesse per riconsiderare la cosa. Ottenuto il consenso degli apritori delle altre vie e, grazie al supporto logistico assicurato dai Gestori del Rifugio, è stato così possibile, non con qualche ripensamento iniziale, concretizzare questa idea.

Leggi tutto

Altri articoli...

Grivel
Palestra arrampicata SASP Torino
Litografia Briver
Palestra arrampicata Bside Torino
bshop logo
Libreria editrice la Montagna Torino
Montura Alp station Torino
CNA Assicurazioni Srl Via Spalato 62A Torino