logo gerva

Per cominciare - Roccia

rocciaDi seguito la proposta di  una serie di luoghi non distanti da Torino (Piemonte, Valle d’Aosta, Briançonnaise) dove andare ad arrampicare.
Il denominatore comune che unisce queste proposte è la bellezza dei luoghi e delle vie proposte.

Volutamente trascurate le pareti dove ci si è recati con la scuola (Bracco, Corma di Machaby, Rocca Sbarua, Finale).

Vallone del Bourcet -Valle Susa - Alta Val Tanaro - Valli di Lanzo -Valle dell'Orco - Valle d'Aosta - Vie di roccia in quota

Vallone del Bourcet (Val Chisone)
Topo: Passaggio a nord ovest; sito internet di Fiorenzo Michelin.
Roccia: gneiss granitoide.
Materiale necessario: una serie di friend dal grigio al giallo camelot e una serie di nut piccolo-medi.
Le vie possono essere scalate anche con solo i rinvii dai più bravi, ma è utile provare a posizionare molte protezioni, saltando eventualmente qualche spit quando si ritenga di aver messo una protezione a prova di bomba.
Periodo consigliato: primavera- autunno.
Vie di 150-200 metri di sviluppo.
Vie in bassa montagna utili per impratichirsi nella posa di protezioni veloci (nut e friend).
Si tratta di vie generalmente spittate ma con molti tratti in fessura dove è possibile posizionare le protezioni veloci fra uno spit e l’altro. Le vie possono essere scalate anche con solo i rinvii dai più bravi, ma è utile provare a posizionare molte protezioni, saltando eventualmente qualche spit quando si ritenga di aver messo una protezione a prova di bomba. Le soste sono tutte spittate e vi sono le calate attrezzate (meglio avere 2 mezze corde). Da alcune vie è più comoda la discesa a piedi lungo un sentiero con alcuni tratti attrezzati. Scarpe leggere da trekking.
Tutte le vie sono meritevoli, anche le più facili, questi sono i miei consigli:
Spigolo grigio, 5/5+
Via degli strapiombi, 6a-b. 5+ obbligatorio
Deltaplano a motore, 6a-6b
Aria sulla quarta corda; Apache; Sussurri e grida: queste tre già più impegnative ma sempre ben spittate e non pericolose

Rocca rossa di Catteissard (Valsusa)
Topo: sito Altox su internet.
Stagione: inverno- inizio primavera- tardo autunno, pur essendo a millemetri di quota è posta sul versante solatio della Valsusa.
Una parete dolomitica a due passi da Torino! Verticalità assoluta e roccia non proprio perfetta, ma una via storica completamente richiodata a spit fix da ripetere assolutamente:
Via del Risveglio, 6b+ max con del 6A obbligatorio (200 metri- 6-7 tiri).

Mongioie Alta val Tanaro
Topo: Guida della Val Tanaro, articoli su riviste specializzate, relazioni al rifugio Mongioie
Materiale necessario: una dozzina di rinvii, nut e friend piccoli, anche se a causa del calcare molto compatto è molto difficile integrare.
Roccia: calcare.
Punto d’appoggio: Rifugio Mongioie, 45 minuti da Viozene.
Stagione: generalmente dalla tarda primavera ad inizio autunno.
Vie di 200-250 metri di sviluppo.
Il Mongioie è uno dei gioielli arrampicatori del Piemonte, a 2000 metri di quota in pieno sud vi sono decine di itinerari spittati su un bellissimo calcare. Se per molti itinerari l’impegno richiesto è molto elevato per la chiodatura lontana, negli ultimi anni sono nati itinerari decisamente più abbordabili per l’arrampicatore medio. Il luogo è straordinario. Andate a vedere e non ve ne pentirete.
Vie consigliate:
Pellegrinaggio in oriente, 5
Nel Segno di Zac, 6a-b
Zitti e mosca, 6a-b e qualche passo di A0
Pap test, 6a-6b+ 6°+ obbl.
Finto ragno, 6b-c (una delle ultime nate, non facile ma chiodatura ravvicinata).

Valli di Lanzo
Bec di Roci ruta

Alcune belle vie di più tiri (200 metri di sviluppo)  riattrezzate da Elio Bonfanti, istruttore della scuola, fra cui la bella e non troppo impegnativa
Il Paradiso è di pochi. Anche qui, servono nut e friend, le soste sono attrezzate a spit.
Stagione: tarda primavera, estate autunno sino alle prime nevicate.

Vallone di Sea
Topo: esiste una vecchia guida di Grassi e una più recente di Blatto. Sito Gruppo Rocciatori Valle di Sea
Stagione: da Maggio a Settembre- Ottobre.
È un vallone bellissimo e selvaggio, ma di facile accesso che si incunea nel cuore delle montagne delle Valli di Lanzo a pochi Km da Torino.
Pur essendo di quota non elevata, si scala a circa 1600 metri, è un posto prettamente estivo per via  dell’esposizione poco solatia della maggior parte delle sue pareti. Ma il posto merita veramente una visita da parte di chi vuole iniziare a scalare in ambiente un po’ più selvaggio e meno addomesticato.
Tutte le vie che vi propongo hanno le soste spittate e la discesa in doppia sulla via.
La roccia è un bel granito grigio-scuro, passo a consigliare alcune vie:
Sorgente primaverile, 150 metri, bella via sul lato al sole del vallone, difficoltà sul 5+-6°, una serie di friend.
Titanic, 200 metri, mediamente sul 6°, a volte qualcosa in più, ma non obbligatorio, bella e ben chiodata, portare una serie di friend: un buon approccio a Sea.
Super controles, 200 metri, caratteristiche simili alla precedente, una seriedi friend.
Sogno di Sea, 200 metri, chiodate solo le soste. Via storica e bellissima. Attenzione: solo per chi è già molto bravo nel posizionamento delle protezioni mobili e si destreggia bene sul 6a-b su granito.

Valle dell’Orco
La mitica valle è un ottimo posto per cominciare a familiarizzare con il granito da proteggere, vi sono molte vie facili, dove però è necessario integrare le protezioni in posto con nut e friend. Tutte le vie che vi consiglio, ( 5-6 tiri di corda) necessitano di una serie di friend e di nut, ma hanno le soste spittate, cosa che diminuisce e di molto, l’ingaggio e l’impegno complessivo della salita.
Stagione: tarda primavera, estate, sino ad inizio autunno, tutte le vie che vi propongo sono esposte a sud.
Guida Rock Paradise di M. Origlia.
Torre Aimonin
Via dello spigolo, 5-5+
Pesce d’aprile, 5-5+
Via del diedro, 5+-6°
Sergent
Placche Franco-Italiane, 5 grado
Via Locatelli, 5+-6°
Nautilus, 5+-6a
Apparizione del Cristo Verde: quasi tutta spittata, ma portare qualche friend per integrare nei tratti più facili
Caporal
Itaca nel sole + Tempi moderni: più impegnativa delle precedenti, ma con pochi eguali come bellezza d’arrampicata e di linea. 5c-6° obbligatorio con qualche tratto in artificiale già attrezzato.

Scoglio di Mroz
Via Gogna
, 5+ 6a e alcuni passi di Ao o 6b, via molto bella di granito perfetto e in ambiente già di media montagna. Nut e friend necessari

Valle d'Aosta Pilastro Lomasti
Ecco un posto dove potete iniziare la vostra carriera di arrampicatori su vie multipich di 200 metri,  completamente spittate e su roccia da sogno.
Il periodo ideale sono le mezze stagioni, l’esposizione è ovest, in pieno inverno è freddo, se andate d’estate, basta partire molto presto per scalare tutta la via all’ombra.
Guida: “A mani nude”, Arrampicate in Valle d’Aosta.
La meno impegnativa è La rossa e il Vampirla, 6b max , con obbligatorio il 6a.
Subito dopo viene la Via Lomasti , ora completamente spittata, ma aperta da Ernesto Lomasti negli anni 70 con pochissimi chiodi, un vero exploit per quei tempi. I gradi sono più o meno quelli della rossa, ma la via è un
po’più fisica.
Se vi siete divertiti su queste 2 vie, passate a Silvye, un vero gioiello di via e di impegno, dovrete maneggiare il 6b-c tranquilli e allora vi divertirete.

Vie di roccia in quota
Stagione: ovviamente l’estate.
Gran Paradiso,
Scoglio di Mroz
Via Gogna, 5+ 6a e alcuni passi di Ao o 6b, via molto bella di granito perfetto e in ambiente già di media montagna. Nut e friend necessari

Vallone di Piantonetto
trovate delle belle vie su granito, dalle facili alle difficilissime, ma tutte con una caratteristica: una roccia granitica di gran qualità ed un ambiente di montagna bello e selvaggio.
Guida Rock Paradise di Maurizio Origlia
Potete iniziare dalle vie al triangolo del Gran Carro che con un avvicinamento di un’oretta vi porterà alla base di belle vie di placca quasi completamente spittate e di lunghezza moderata: circa 200 metri.
Cominciate dalla più facile che è sul 6a-b e si vi piace il posto tornerete a fare le altre.
Più in alto non perdete la bellissima Malvassora al Becco Meridionale
della Tribolazione, una magnifica via di quarto-quinto grado che vi porterà dritti in vetta a 3300 metri.

In alta Valle Gesso
  trovate il Corno Stella, bella montagna di 3000 metri di quota dove vi sono numerose vie di roccia di tutte le difficoltà, da quelle molto facili e quasi completamente chiodate a spit, a vie molto difficili anche non attrezzate. Vi consiglio la bellissima Via Campia di 5 grado, da proteggere con nut e friend, o la Via dei Lupetti, un po’ più difficile tecnicamente, 6a, ma completamente spittata. Sulla vicina via Catena delle Guide esistono vie anche più facili chiodate a spit.
Il punto d’appoggio è il Rifugio Bozano.
Esiste una guida specifica delle vie del Corno Stella e Catene delle Guide che potrete trovare nelle libreria specializzate.
Il Briançonnaise
Un vero paradiso di arrampicate per chi desidera avvicinarsi alle vie di più tiri in quota.
Guide: Oisan tomo est e ovest di Cambon.
La guida è fatta molto bene e segnala oltre alla difficoltà delle varie vie, anche le caratteristiche della chiodatura e il grado obbligatorio più difficile.
Trovate sia calcare, che granito. Cominciate dalle vie in calcare più facili
nel Vallone della Moulette o alla Tour termier. Se vi destreggiate bene sino al 6b potete provare il Pilier Rouge alla Tete d’Aval, o Vol evoluptè alle Tenailles de Montbrison.